TEMPESTA

 

coreografia, regia, canzoni: Caterina Genta

interpreti: Luca Castellano, Matteo Corso, Cristiana Locci, Caterina Genta, Sara Pischedda

musica originale, supervisione alla regia: Marco Schiavoni

luci: Ivano Cugia

costumi: Angela Bruschi, Stefania Dessì, Caterina Genta

 

 

La Tempesta è un laboratorio, l'isola di Prospero è il teatro e lo specchio del mondo. Il lavoro, nato in prima stesura come opera performativa, danzata, cantata e recitata dalla stessa autriceinterprete, in questa fase si evolve in un lavoro corale, teatrale e coreografico in cui i danzatori sono i protagonisti. Ogni personaggio crea il proprio racconto e insieme interpretano le suggestioni, le forze della natura, la magia, la follia.
I naufraghi riemergono salvi, con i vestiti asciutti, senza nemmeno un capello fuori posto. Sull'isola incantata Miranda, Calibano, Ariele, Prospero e Ferdinando interpretano il proprio ruolo e si rincorrono in un gioco di specchi e di travestimenti in cui i ruoli si sovrappongono e si scambiano continuamente.

Tre Mirande, quattro Calibani, un Calibano rockstar, due Arieli…
Le canzoni nascono dalla potenza evocativa del testo in lingua originale. La musica, composta appositamente per questo lavoro, viene usata in funzione drammaturgica creando spazi sonori e di narrazione attorno all'azione, usando sonorità etnico/elettriche e romantico/rinascimentali.